Apparecchiature Non Elettriche Atex

EN ISO 80079-36: Regole Generali

EN ISO 80079-37: Modi di Protezione

Ispezione Apparecchiature Non Elettriche

Apparecchiature Non Elettriche Atex

Durata: 8 Ore
Svolgimento: Presenza o Online
Livello: Base

Durata

8 Ore

livello

Base

Modalità

Presenza o Online
DESCRIZIONE

Le sorgenti di innesco negli impianti con pericolo di esplosione sono, per tradizione, associate in maniera preponderante alle apparecchiature elettriche. Negli ultimi anni però, è sorta la necessità di un‘ analisi più dettagliata delle sorgenti di innesco anche in apparecchiature non elettriche, con conseguente marcatura delle stesse.

In quest’ottica, è stata sviluppata la norma EN ISO 80079-36 che specifica il metodo di base e i requisiti per la progettazione, costruzione, prova e marcatura di apparecchi Ex, componenti Ex, sistemi di protezione, dispositivi non elettrici ed assemblaggi di questi prodotti che hanno sorgenti potenziali di accensione proprie e che sono destinati ad essere utilizzati in atmosfere esplosive. Questa norma integra i concetti generali della IEC EN 60079-0.

Una volta compresi e documentati questi rischi di accensione, è quindi possibile assegnare misure di protezione, a seconda del livello di protezione dell’attrezzatura (EPL) richiesto, per ridurre al minimo la probabilità che queste fonti di accensione diventino efficaci.

A completamento della norma EN ISO 80079-36 si inserisce quindi la norma EN ISO 80079-37 che specifica i requisiti per la progettazione e la costruzione di apparecchi non elettrici destinati ad essere utilizzati in atmosfere esplosive, protetti con i tipi di costruzione sicurezza costruttiva “c”, controllo della sorgente di accensione “b” ed immersione in liquido “k”.

Dette Norme sostituiscono completamente le Norme EN 13463-0, EN 13463-5, EN 13463-6 e EN 13463-8.

A completamento della presentazione, tratteremo di ispezioni e verifiche di apparecchiature non elettriche. Le installazioni in area pericolosa per la presenza di gas, vapori, nebbie o polveri combustibili, posseggono caratteristiche tali che le rendono sicure ed utilizzabili in questo tipo di atmosfere. È quindi essenziale, per ragioni di sicurezza, che durante il ciclo di vita di tali installazioni, l’integrità di queste caratteristiche speciali sia preservata. La Norma EN 60079-17 fornisce i dettagli per le ispezioni elettriche ma non esiste un corrispettivo per le ispezioni non-elettriche. Questa parte del corso vuole dare suggerimenti per come eseguire questo tipo di ispezioni, per evitare che le apparecchiature non elettriche diventino una fonte di innesco perché il corretto funzionamento operativo di un’installazione non significa, e non deve essere interpretato come l’integrità delle speciali caratteristiche sopradescritte, legate al modo di protezione contro le esplosioni.

A CHI SI RIVOLGE IL CORSO?

Se siete…

  • Il personale incaricato di effettuare: acquisti, installazione, verifiche, manutenzione delle apparecchiature “Ex”
  • Coloro che sono coinvolti nella progettazione e/o produzione di apparecchi “Ex”
  • Consulenti
PREREQUISITI

Concetti generali estrapolati dalla EN 60079-0, Direttiva ATEX 2014/34/UE, modalità di marcatura. Se non si è in possesso di queste nozioni è consigliabile fare prima il corso ATEX Italia – Foundation (8h).

NOTA: il corso non ha lo scopo di insegnare fondamenti di meccanica e non ha la pretesa di entrare nel dettaglio costruttivo di prodotti meccanici. L’obbiettivo principale è di avvicinare l’argomento ATEX al mondo meccanico. ATEX Italia “fornirà” l’esperienza ATEX che voi affiancherete alla vostra esperienza in ambito meccanico

Contenuto

Parte 1 – Introduzione

  • Panoramica internazionale
  • Chi emette le norme

Parte 2 – EN ISO 80079-36

  • Allegati europei
    • Corrispondenza tra gruppi e categorie
    • Marcatura Ex h
    • Documentazione per la Direttiva Atex
  • Informazioni generali o Definizioni
  • EPL
  • Gruppi
  • Valutazione del rischio di accensione
  • Fascicolo tecnico
  • Fonti di innesco e come affrontarle
  • Test
  • Istruzioni
  • Marcatura
  • Allegato «B» – Procedura di valutazione del rischio di accensione

Parte 3 – EN ISO 80079-37

  • Allegati europei
  • Premessa
  • Modo di protezione «h», controllo della sorgente di innesco (b)
  • Modo di protezione «h», sicurezza costruttiva (c)
  • Modo di protezione «h», immersione in liquido (k)
  • Allegato «G» della ISO EN 80079-36, altri modi di protezione applicabili alle apparecchiature non elettriche:
    • Tenuta di fiamma “d” (EN 60079-1)
    • Pressurizzazione “p” (EN 60079-2)
    • Tenuta di polvere “t” (EN 60079-31)

    Parte 4 – Appendice

    • Apparecchi nella «Border line list» dell’ATEX
    • Utensili manuali
    • Errori di installazione

    Parte 5 – Ispezioni e Verifiche

    • Visiva
    • Ravvicinata
    • Dettagliata
    • Lista dei possibili controlli:
      • Rotazione
      • Allineamento
      • Vibrazioni
      • Guardie
      • Cuscinetti
      • Lubrificanti
      • Guarnizioni
      • Cinghie
      • Valvole
      • Flange
    • Esempio di scheda di ispezione

      Cosa Include Il Corso

      • Interfaccia Live Con Il Docente

      • Risorse Documentali

      • Attestato di Frequenza

      CURRICULUM

      Michele Giuliani

      Perito elettrotecnico con specializzazione nella progettazione di apparecchiature ed impianti in ambienti con pericolo di esplosione. La sua esperienza vanta di 25 anni di lavoro in campo elettrico industriale, con gli ultimi 14 anni passati nel settore Oil & Gas.

      I principali ruoli ricoperti nella sua carriera lavorativa sono stati:

      • Responsabile ufficio tecnico
      • Responsabile Ex (ATEX e IECEx) aziendale e persona di contatto con gli organismi notificati
      • Responsabile collaudi ed ispezioni (Verifiche iniziali)
      • Project Manager
      • Progettista elettrico

      Le attività principali hanno spaziato dalla gestione manageriale di nuovi progetti (skid, cabine analisi, sistemi HVAC ed assiemi in generale) con le principali società di ingegneria italiane ed estere alla progettazione degli impianti elettrici ed alla scelta della componentistica Ex, fino ai collaudi in officina ed in campo (FAT e SAT).

      Le attività di progettazione, verifica, installazione ed ispezione sono eseguite e supportate dalla certificazione di competenza ottenuta come “CompEx” e “IECEx Competent Person” (Certificato No. IECEx CP INE19.0022) per le seguenti unità:

      CompEx

      • Ex 01-4 – Apply basic principles of protection in explosive atmospheres
      • Ex 14 – Visual & Close Inspection – Based on IEC 60079-17

      IECEx

      • Ex 001 – Apply basic principles of protection in explosive atmospheres
      • Ex 007 – Visual & Close Inspection – Based on IEC 60079-17
      • Ex 009 – Design Electrical Installations – Based on IEC 60079-14

      Conoscenza delle procedure di certificazione secondo la Direttiva ATEX e lo schema IECEx, preparazione della documentazione di progetto tra cui la nota tecnica, l’analisi di rischio, le istruzioni di sicurezza, ecc.

      In Atex Italia svolge la mansione di responsabile tecnico Ex e le sue attività principali sono:

      • Consulenza
      • Progettazione secondo IEC EN 60079-14
      • Ispezioni secondo IEC EN 60079-17
      • Formazione

      Richiesta Preventivo